Category

Personaggi

Category

All’inizio di Dragon Ball Z, troviamo Iamko (Yamcha) essere divenuto un talentuoso giocatore di baseball. Il guerriero, oramai abbandonati gli allenamenti, viene avvertito da Crili della morte di Goku e dell’imminente arrivo dei saiyan. Iamko deciderà di allenarsi assieme a Riff, Tensing, Jirobai e Crili presso il palazzo del Supremo. Passati i 365 giorni, il povero Iamko farà una figura (ed una morte) meschina, dato che sarà l’unico ad essere eliminato da uno dei saibam di Napa e Vegeta. Nell’Aldilà, il ragazzo si allenerà assieme a Tensing, Riff e Junior presso il pianeta di Re Kaio, divenendo più forte e riuscendo a sconfiggere la squadra Ginyu con l’aiuto dei suoi amici.

Resuscitato, Iamko si allenerà in vista dell’arrivo dei cyborg che fra tre anni avrebbero messo in crisi la Terra. Purtroppo, anche in questa occasione, il guerriero sarà subito messo K0 da C-20, ovvero il dottor Gelo. Dopo questa ulteriore umiliazione, l’ex fidanzato di Bulma (messasi intanto con Vegeta e divenuta la madre del piccolo Trunks) deciderà di abbandonare la lotta, in quanto comprende di non poter essere all’altezza degli altri guerrieri Z. Durante il Cell Game farà il tifo per Goku e Gohan ed in seguito si ritroverà ad affrontare uno dei Cell junior creati dal cyborg, venendo sconfitto (ovviamente) anche questa volta.

Durante la saga di Majinbu, vediamo Iamko al torneo di arti marziali come semplice spettatore. Darà una mano a Bulma, C-18 e compagnia nel ritrovare le sfere del drago, con l’obiettivo di resuscitare tutti gli innocenti uccisi da Majin-Vegeta. Verrà in seguito trasformato in una barretta di cioccolato da Majinbu. Lo ritroviamo subito dopo nell’Aldilà ad allenarsi presso il palazzo del grande Re Kaio. Stranamente, sembra che il suo livello di combattimento sia particolarmente aumentato in questa situazione, in quanto lo vediamo affrontare (e tenere testa) a guerrieri del calibro di Olibu.

Nel mondo divino, Iamko e Crilin avranno un breve alterco con Majinbu, il quale sarà poi richiamato dalle aure di Goku e Vegeta sul pianeta dei Kaioshin. Iamko è un guerriero volenteroso, tuttavia non riuscirà mai ad arrivare al livello degli altri suoi compagni. Sarà sempre secondo al suo amico-rivale Tensing e purtroppo rivesterà ruoli prettamente marginali all’interno della serie TV. Il suo livello di combattimento alla fine di Dragon Ball Z è pari a 200.000.

Mister Satan appare durante la saga di Cell. Viene introdotto come un campione di wrestling ed eroe della Terra. Satan e i suoi allievi Karoni e Piroshiki (coadiuvati dall’assistente Pizza) parteciperanno al Cell Game nel quale verranno vergognosamnte sconfitti. Tuttavia, Satan, in manier aalquanto surreale e poco credibile, tenterà di spiegare ai giornalisti presenti sul posto di essere inciampato e di essere stato vittima dei presunti trucchetti del cyborg. Nonostante sia Gohan a distruggere il mostro, Satan ri prenderà tutto il merito della vittoria, venendo proclamato ufficialmente salvatore del mondo.

A Mister Satan verrà in seguito dedicata una città, Ginger City, che prenderà il nome di Satan City. Tale metropoli è la stessa in cui Gohan frequenterà il liceo, lavorando come vigilante con il nome di Great Saiyaman. Tornando al personaggio principale di questa scheda, Mister Satan, costui parteciperà assieme alla figlia Videl al torneo di arti marziali. Alla fine sconfiggerà C-18 in una battle royal. In realtà, tale match era stato predeterminato dalla moglie di Crili: lei si sarebbe fatta battare, ma in cambio Satan l’avrebbe dovuta pagare.

Durante la saga di Majinbu, Mister Satan farà amicizia con il demone rosa, riuscendo a farlo diventare buono. Satan sarà uno dei pochi sopravvissuti dopo che Super Bu annienta l’umanità e dopo la distruzione totale del mondo da parte di Kid Bu. Sarà infatti Goku a portarlo in salvo (assieme a Vegeta, Dende ed al cucciolo di cane Bee) sul pianeta dei Kaioshin. Satan giocherà un ruolo importante durante l’ultima battaglia contro il demone della nuvola: sarà infatti lui a convincere tutti i terrestri (tornati in vita con le sfere del drago namecciane) ad offrire la loro energia per la sconfitta di Majinbu.

Tornata la pace e passati alcuni anni dalla sconfitta del demone rosa, vediamo un Satan un po’ invecchiato, divenuto nonno della piccola Pan e consuocero di Goku. Lo vediamo partecipare ufficialmente all’ennesimo torneo di arti marziali, venendo rincuorato da Goku sul fatto che tutti i partecipanti (Vegeta incluso) perderanno a suo favore. Il nome di battesimo del guerriero è Mark e sembra essere il personaggio preferito di Akira Toriyama. Il suo livello di combattimento è pari a 140.

Goten è il secondogenito di Goku e Chichi, fratello minore di Gohan. Il personaggio appare per la prima volta, poco prima dell’apparizione di Majinbu, nella minisaga in cui vediamo Gohan nei panni di studente di liceo presso Satan City. Goten è molto amico di Trunks, figlio di Bulma e Vegeta. Dalla fusione dei due bambini, nascerà Gotenks, potente guerriero che darà filo da torcere a Majinbu durante l’ultima saga di Dragon Ball Z. Seppur molto piccolo (ha solo 7 anni) Goten dimostra avere una forza strepitosa, tipica di ogni saiyan che si rispetti. Durante gli allenamenti con Gohan, quest’ultimo rimane allibito dinanzi alla forza del fratellino, il quale ha un’unica pecca inizialmente: non sa volare. Un problema che sarà risolto subito dopo, quando agli allenamenti si unirà anche Videl, desiderosa di diventare più forte, in vista del prossimo torneo di arti marziali.

Goten dimostra essere un bambino allegro ed anche un po’ dispettoso. Memorabili sono le ragazzate fatte assieme al suo migliore amico Trunks, come nell’episodio in cui i due, sostituendosi ad un partecipante, affrontano insieme (e ben camuffati) C-18 durante il 25esimo torneo di arti marziali. Sempre durante la saga di Majinbu, Goten e Trunks saranno allenati prima da Goku e in seguito da Junior, per poter effettuare la fusione nel miglior modo possibile. In seguito, i due si eserciteranno nella stanza dello spirito e del tempo, per poi scontrarsi contro il demone della nuvola.

Goten verrà assorbito assieme a Trunks, Junior e Goten dallo stesso Majnbu, per poi venire tratti in salvo da Goku e Vegeta che erano riusciti ad entrare nel corpo del mostro con l’inganno. Subito dopo, Goten morirà assieme ai suoi amici durante l’esplosione del pianeta Terra per mano del malvagio essere. Tornato in vita, il piccolo darà il suo contributo alla sconfitta del mostro, fornendo a Goku la sua forza spirituale, unita assieme a quella degli altri esseri umani, per la creazione di una potentissima energia sferica, che spazzerà via Majinbu.

Alla fine di Dragon Ball Z vediamo Goten oramai adolescente e interessato più al gentilsesso che alle arti marziali. Verrà infatti sconfitto dalla nipotina Pan durante il nuovo torneo di arti marziali. Il suo livello di combattimento alla fine di Dragon Ball Z è pari a 13.500.000 (questo senza contare la sua trasformazione in super saiyan).

Occupiamoci di Vegeta, l’eterno rivale di Goku. Vegeta è il principe dei saiyan dell’omonimo pianeta distrutto da Freezer. Il principino (il cui padre si chiama proprio allo stesso modo) dimostrò fin dalla tenera età una forza strepitosa, tanto che lo stesso Freezer desiderò averlo tra le sue fila di soldati. Inizialmente fedele guerriero del changeling, Vegeta decise di ribellarsi alla sua autorità, fuggendo assieme ai suoi fedeli compagni Napa e Radish. Il principe dei saiyan, oramai senza più una patria, decise di ripristinare (in qualche modo) la gloriosa stirpe di guerrieri radunando, in primis, tutti i suoi compatrioti sopravvissuti alla distruzione del loro pianeta. Fu proprio Radish a partire alla volta della Terra, con la speranza di trovare il fratello Kaarot. Il guerriero fu letteralmente spiazzato nel constatare che non solo suo fratello (ovvero Goku) fosse ancora vivo, ma che lo stesso pianeta fosse ancora integro. Dopo l’uccisione di Radish, Vegeta e Napa partirono anche loro alla volta del pianeta azzurro, al fine di distruggerlo e recuperare le sette sfere del drago. Obiettivo dei due spietati guerrieri era quello di chiedere al dio drago Shen-Long la vita eterna.

Nel corso della loro battaglia, Goku e Vegeta diedero vita ad un confronto a dir poco memorabile. Vegeta, sorpreso che un guerriero di infimo livello come Kaarot potesse dimostrare una simile forza combattiva, decise di trasformarsi in scimmione, per decuplicare il suo livello di combattimento. Vegeta divenne in questo modo invincibile tanto che riuscì a sconfiggere Goku, ma dovette comunque farsi da parte, dopo essersela vista contro Gohan, Crili e… Jirobai!

Gohan, Crili e Bulma incontrano di nuovo Vegeta su Namecc. Il saiyan era giunto su tale pianeta per impossessarsi delle sfere del drago originali e togliere di mezzo Freezer. Peccato che anche quest’ultimo si trovasse proprio qui con l’intenzione di mettere le mani sui preziosi artefatti magici. Nel corso della battaglia contro il tiranno galattico, il principe dei saiyan venne ucciso, ma fu vendicato da Goku che riuscì infine a sconfiggere Freezer trasformandosi in super saiyan.

Nel corso della saga di Cell, Vegeta dismostrò non solo di essere riuscito a raggiungere anche lui lo stadio di super saiyan, ma anche di riuscire ad andare oltre il limite di tale livello, tanto da farsi chiamare Super Vegeta e mettendo in seria difficoltà lo stesso cyborg creato dal dottor Gelo. Il resto è storia: Cell riuscì ad assrobire anche C-18 divenendo invincibile, diede inizio al Cell Game e venne distrutto infine da Gohan con la potenza del Super Saiyan 2. Tuttavia, il figlio di Goku dovette ringraziare lo stesso principe dei saiyan, che per un secondo distrasse Cell, dando l’opportunità a Gohan di travolgere il mostro con una super onda energetica.

Nella saga di Majinbu, Vegeta si fece possedere apposta dal mago Babidy, diventando Majin Vegeta. Il principe dei saiyan lo fece per due motivi: in primis, aveva compreso che grazie al potenziamento dello stregone, avrebe avuto l’opportunità di raggiungere il livello di Goku, in secundis aveva compreso che gli anni passati sulla Terra lo avevano reso più umano e il suo sogno recondito era quello di tornare ad essere il principe distruttore di un tempo. Tuttavia, dopo aver combattuto contro Goku, Vegeta si ravvedette e decise di espiare (in parte) i suoi peccati, sacrificandosi contro Majinbu. Purtroppo, la sua morte fu vana. Venne in seguito resuscitato in maniera temporanea da Baba, in modo che potesse dare man forte a Goku per sconfiggere il demone della nuvola. I due si fusero tramite gli orecchini Potara, dando origine a Vegeku. Alla fine della saga, Vegeta ebbe l’umiltà di riconoscere Goku come guerriero supremo, anche se (ovviamente) il suo orgoglio non gli ha mai permesso di dirglielo esplicitamente.

Una volta tornata la pace sulla Terra, alla fine della serie Z, troviamo Vegeta partecipare al nuovo torneo di arti marziali. Il suo sogno sarebbe quello di scontrarsi ancora una volta con Goku, ma quest’ultimo lascia la competizione per andare via assieme a UB, reincarnazione buona di Majinbu ed allenarsi assieme a lui. Vegeta, tuttavia, sa in cuor suo che il suo amico-nemico tornerà prima o poi e sarà lì pronto a sfidarlo di nuovo. Il livello di combattimento del personaggio alla fine di Dragon Ball Z è pari a 34.000.000 (ovviamente in forma base, senza contare le trasformazioni in super saiyan).